Marchionne frena Berlusconi: “Io in politica? Non ci penso nemmeno di notte”




Qualche giorno fa Silvio Berlusconi, segretario di Forza Italia, parlando delle prossime elezioni politiche aveva proposto Sergio Marchionne come candidato premier della coalizione di centrodestra. Quest’uscita clamorosa e inaspettata, ha scatenato reazioni negative da parte di Matteo Salvini e Giorgia Meloni, rispettivamente segretari di Lega Nord e Fratelli d’Italia, che hanno manifestato piena opposizione all’idea proposta dal cavaliere poichè, a loro dire, l’attuale amministratore delegato di FCA non rispecchierebbe gli ideali della destra (oltre ad avanzare dubbi sulla capacità di leader del paese).

Ma ieri è stato lo stesso Marchionne a frenare le “avance” dell’ex-presidente: durante l’intervista post-gara del GP d’Austria a Spielberg ha infatti dichiarato “Berlusconi è un grande. Con questa uscita ha spiazzato tutti. Chapeau” e alla domanda se avesse preso in considerazione tale idea ha risposto “Non ci penso nemmeno di notte”. Con ciò il discorso pare ormai chiuso, ma perchè una decisione così affrettata? Non si sarà sentito pronto per un ruolo istituzionale così importante o c’entra qualcosa l’amicizia con Matteo Renzi?




Angelo La Cognata

Co-fondatore della LACO Design assieme al fratello, ha uno spiccato senso dell'umorismo. Ha tre passioni: le auto, la scrittura e... le ragazze. Procede bene su tutti e tre i fronti, o almeno così ci fa sapere; valuteremo meglio circa l'ultimo aspetto.

Rispondi